Virtuae 2010 Frassino Tenuta Cą Sciampagne

€.35.00

Produttore: Tenuta Cà Sciampagne

Regione: Marche

Uvaggio: Bianchello del Metauro

Gradazione: 14% vol

Formato: 0,50L

Vinificazione: raccolta e lavorazione manuale delle uve, vendemmia tardiva e sovramaturazione per oltre 5 mesi in apposito locale chiamato "fruttaia". Al termine del periodo di asciugatura il mosto ricavato viene messo in botti di frassino al fine di effettuare la fermentazione spontanea.

Affinamento: non inferiore ai 5 anni 

Vino passito che affina in botti di frassino; legno bianco, morbido, dolce, che caratterizza la maturazione dei mosti ed il successivo affinamento solo arrotondando la spigolosità dell´acidità del vino. 

Buona acidità, alcol bilanciato e non invasivo, importante persistenza gustativa che regala un finale di emozioni con gradevole freschezza agrumata e richiamo al miele

Abbinamenti: dolci secchi a pasta frolla con marmellate o confetture di frutta gialla, dolci fritti farciti, formaggi di media stagionatura o stagionati, anche caprini. 

Disponibilità immediata: 0 pz.

Tenuta Ca“ Sciampagne

Tenuta Ca’ Sciampagne deve il suo nome alla localitą catastale su cui sono piantati buona parte dei vigneti.
Si trova nell“immediata periferia di Urbino, immersa nel Parco Naturale dei Monti delle Cesane, a soli 3 km dalla cittą rinascimentale che ha dato i natali al pittore Raffaello e fu dimora del Duca Federico da Montefeltro.
La cantina nasce nel 2008 con il recupero di oltre tre ettari di vecchi vitigni e la piantumazione di altri sei.
Si coltivano vitigni DOC come il Bianchello del Metauro e il Sangiovese dei Colli Pesaresi oltre a bianchi e rossi Marche IGT come Chardonnay, Sauvignon Blanc, Albana, Aleatico ed Alicante.

In vigna l“uso del rame č molto limitato (circa 100 grammi per ettaro, nel biologico ne sono ammessi 6 kg!) ed in cantina entrano solo uve raccolte e selezionate a mano; nessun tipo di coadiuvante o additivo enologico viene usato durante le lavorazioni. Viene usata solo una limitatissima percentuale di solfiti al momento della lavorazione delle uve, che corrisponde ad una quantitą di solfiti aggiunti nel vino in bottiglia pari a 10 milligrammi.